I terremoti in Italia sono assicurabili

Highlight Stories

  • I terremoti in Italia sono assicurabili

L’Italia è un Paese ad alto rischio di calamità naturali. Il 90% degli 8.100 Comuni sono esposti a rischi di frane, alluvioni, terremoti, ecc.

In pochi secondi, il terremoto distrugge case, scuole, chiese, monumenti,  patrimonio architettonico e artistico. Secondi in cui non c’è più sicurezza, protezione. E non si tratta solamente di distruzione materiale, ferisce lo spirito, per sempre.

Come possiamo proteggerci? Come possiamo anticipare tali eventi? Le polizze assicurative contro i danni da catastrofi naturali permettono un recupero sicuro e rapido delle zone colpite e garantiscono un supporto diretto ed automatico di erogazione dei fondi, a volte anche poche ore dopo la catastrofe o addirittura durante l’emergenza.

​I terremoti in Italia sono assicurabili

2019 segna il decimo anniversario del terremoto dell'Aquila e ci ricorda che è tempo di cambiare. Bisogna cercare sempre di prevenire, di proteggere e di difendere le nostre comunità. Con uno sguardo al futuro.

Come proteggere il patrimonio delle chiese italiane

Delle circa 25.600 parrocchie in Italia, solo il 70% è protetto da un’assicurazione antincendio e solo poche tra queste sono coperte contro le catastrofi naturali. Così la CEI, la Conferenza Episcopale Italiana, ha deciso di organizzare una propria strategia nazionale di protezione delle chiese nell’evenienza di disastri simili. Con Swiss Re come partner.

Discover

L’Aquila, 10 anni dopo Edizione speciale per sigma No 2/2019

A partire dal 2017, il governo italiano ha introdotto importanti incentivi volti ad incoraggiare la diffusione dell’assicurazione contro eventi calamitosi e l’adeguamento antisismico del patrimonio edilizio nazionale. Tali misure contribuiranno positivamente alla resilienza complessiva del Paese alle calamità naturali.

Discover

"Voucher sisma"

Soluzioni assicurative veloci, flessibili e convenienti

Discover

150 milliardi spesi per le ricostruzioni post terremoto negli ultimi 50 anni

L’Italia è un Paese di catastrofi naturali, ma è anche tra quelli meno assicurati. A 10 anni dal terremoto de L’Aquila è tempo di tirare le somme. Quanti soldi sono usciti dalle casse dello Stato e quindi dalle tasche dei contribuenti? E come funzionerebbe, invece, l’intervento assicurativo? Scoprilo qui.

Discover 150 milliardi spesi per le ricostruzioni post terremoto negli ultimi 50 anni